Riscaldamento a pavimento o a pannelli ad infrarossi Celsius?

Qual è il miglior sistema di riscaldamento moderno? Meglio il riscaldamento a pavimento o i pannelli ad infrarossi? Quali sono i pro e i contro di entrambe le soluzioni?

Queste sono domande sempre più frequenti in un periodo di ristrutturazioni e rinnovamento come quello attuale.

E’ importante scegliere il proprio sistema di riscaldamento in modo che risponda in modo soddisfacente alle esigenze specifiche di ogni situazione. Per questa ragione non esiste un sistema di riscaldamento che è oggettivamente migliore rispetto a tutti gli altri, ma per valutare quale sistema fa più al caso nostro è utile valutare alcuni aspetti.

In questo articolo metteremo a confronto i sistemi di riscaldamento elettrico ad infrarossi a onda lunga e il sistema di riscaldamento a pavimento (ad acqua o elettrico). I fattori che consideriamo per la valutazione sono:

  • Benessere abitativo
  • Consumi
  • Installazione
  • Manutenzione
  • Estetica
  • Agevolazioni fiscali

Riscaldamento a pavimento

Si tratta di un sistema costituito da tubazioni (nel caso di impianto ad acqua a circuito chiuso) o resistenze elettriche (nel caso di impianto elettrico), disposte sotto il pavimento ed appoggiate a pannelli isolanti. Queste emettono calore dal basso verso l’alto.

Più frequentemente capita di avere a che fare con riscaldamenti ad acqua. L’acqua viene riscaldata da una caldaia (anche una caldaia a pellet) o una pompa di calore, oppure ancora da impianti fotovoltaici o solari termici. Quest’ultima è un’opzione particolarmente interessante dal punto di vista della sostenibilità ambientale.

Il riscaldamento a pavimento, che si tratti di quello ad acqua o quello elettrico, ha come principio base quello di creare un circolo d’aria inverso, ovvero che invece di avere aria calda solo verso il soffitto e aria più fredda nella parte bassa della stanza, si otterrà calore sia nella parte superiore che inferiore dell’ambiente.

Benessere abitativo

Spesso si pensa erroneamente che il calore sia uniforme nell’ambiente riscaldato con questo metodo, ma in realtà si crea un circolo d’aria che fa si che la temperatura del pavimento e del soffitto siano più alte rispetto a quella delle pareti e quindi il benessere abitativo, seppur migliore rispetto a quello ottenuto con metodi tradizionali, non è ottimale.

Un’altra falsa credenza è che il sistema a pavimento sia radiante. Questo tipo di riscaldamento infatti emette onde infrarosse (come tutti i corpi caldi) che hanno una lunghezza media, non sufficiente per poter irraggiare le pareti e i soffitti, ma con un’azione riscaldante limitata all’aria circostante, creando di conseguenza un circolo d’aria calda/fredda come tutti i radiatori tradizionali.

Consumi

A livello di consumi con il sistema di riscaldamento a pavimento abbiamo un netto miglioramento rispetto ai tradizionali termosifoni, con un risparmio di circa il 25%.

Ma i consumi in gas/luce totali di un sistema di riscaldamento a pavimento risultano comunque maggiori di circa un 30% rispetto ad un sistema di riscaldamento con pannelli ad infrarossi di ultima generazione.

Installazione

L’installazione del riscaldamento a pavimento è essenziale in quanto da questo dipende la durata e l’efficacia del sistema.

Per questo, le spese iniziali di acquisto/installazione sono superiori (anche 50%) rispetto a quelle previste per i sistemi di riscaldamento classici o sistemi di riscaldamento a pannelli ad infrarossi. Vuoi per la necessità di utilizzare materiali di migliore qualità, vuoi per il bisogno di manodopera qualificata e complessità dei lavori da effettuare, si spende di più.

I possibili danni alle tubazioni obbligano a rimuovere almeno in parte il pavimento. Per questo è importante avere una scorta di piastrelle o parquet dello stesso tipo per ripristinare il pavimento. In caso di guasto alle tubature, è indispensabile avere conservato una piantina del progetto per minimizzare gli impatti di un intervento.

Nel caso di pavimenti in parquet, se non posati a regola d’arte, potrebbero sollevarsi, con ovvi disagi per gli utenti.

Un sistema di riscaldamento a pavimento, inoltre, ci obbliga ad alzare almeno di 5cm la pavimentazione. Questo può essere un problema quando si ristruttura, ci sono mobili su misura o altre eventualità da tenere presente.

Manutenzione

Generalmente un sistema di riscaldamento a pavimento necessita di un numero minore di interventi di manutenzione e riparazioni in confronto ai termosifoni. Va comunque prevista una manutenzione periodica dell’impianto, con un lavaggio completo. Parimenti è opportuno aggiungere all’acqua che gira nei tubi additivi che la puliscano e la liberino dai fanghi. La presenza di fanghi, alghe e calcare, nonché eventuali fenomeni di corrosione, possono provocare guasti alla caldaia o una diminuzione della sua resa energetica.

Questo tipo di manutenzioni vanno svolte ogni 3-5 anni in modo da allungare la vita dell’impianto.

Se viene fatta la manutenzione periodica, il sistema a pavimento può avere una vita utile fino a 30-40 anni.

Estetica

A livello di estetica, questo tipo di riscaldamento è quello che ha minor impatto visivo in quanto è completamente nascosto sotto il pavimento.

Gli unici problemi estetici che si potrebbero riscontrare con il tempo è nel caso di un pavimento di parquet non ben posato che si potrebbe sollevare o nel caso di necessità di intervento nell’impianto che implicherebbe rompere, in parte, il pavimento esistente e quindi comporterebbe una parziale sostituzione dello stesso.

Agevolazioni fiscali

Per il 2016, la Legge di Stabilità ha infatti confermato anche per quest’anno le detrazioni fiscali del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica. Tra queste ricade anche la realizzazione di un sistema a pavimento.

Pannelli ad infrarossi

Di pannelli ad infrarossi nel mercato ce ne sono molti ma in questo articolo parleremo del top di gamma: i pannelli ad infrarossi ad onda lunga con sistema di ultra-rendimento Celsius.

Si tratta di pannelli in vetro di diverse misure che vanno installati sulla parete più fredda di ogni stanza ad una distanza di 10-15cm dal pavimento.

Gli infrarossi ad onda lunga emessi da questi pannelli penetrano nelle masse presenti nell’ambiente (pareti, soffitto e pavimento) fino a 12mt di distanza dalla fonte ed esse diventano a loro volta radianti. Grazie a questo fenomeno, possibile solo con infrarossi di una certa lunghezza d’onda, i pannelli radianti Celsius hanno un rendimento di molto superiore rispetto a tutti gli altri sistemi di riscaldamento.

Vediamo i vantaggi e gli svantaggi di questo sistema analizzando gli stessi punti analizzati anteriormente nella sessione dei sistemi a pavimento.

Benessere abitativo

I pannelli ad irraggiamento infrarosso Celsius hanno molti benefici a livello di salute e benessere:

  • Temperatura omogenea in tutta la stanza in quanto le pareti, il soffitto e i pavimenti diventano radianti ed emettono calore in egual misura.
  • Assoluta silenziosità.
  • Emissione elettromagnetica nulla.
  • Grazie al fatto che l’umidità relativa è mantenuta costante, oltre ad aumentare il comfort abitativo, i pannelli Celsius e Fahrenheit sono usati a livello terapeutico per prevenire o curare dolori reumatici o da raffreddamento.
  • Poiché il sistema di riscaldamento a infrarossi non crea flussi d’aria e quindi non alza le polveri, le persone che hanno problemi alle vie respiratorie e coloro che soffrono d’asma trovano beneficio in questo tipo di riscaldamento.
  • Anche chi porta lenti a contatto, sentirà dei notevoli benefici da un ambiente più pulito e con umidità costante.
  • L’effetto degli infrarossi a questa lunghezza d’onda attiva la bonificazione dei muscoli prima dello sport e aiuta a prevenire gli strappi muscolari.

Consumi

Il sistema di riscaldamento ad infrarossi con pannelli radianti Celsius è il sistema con minori consumi presente sul mercato, permettendo risparmi intorno al 30% rispetto a un sistema a pavimento e un 50% rispetto a un sistema tradizionale a termosifoni.

Installazione

I pannelli radianti Celsius si installano facilmente e non necessitano di manodopera specializzata. Per ottenere il massimo rendimento vanno appesi nella parte centrale della parete più fredda di ogni stanza ad un’altezza di 10-15cm dal pavimento.

I pannelli Celsius sono facilmente trasportabili nel caso di un trasloco, per questo sono una buona opzione anche per persone che vivono in abitazioni in affitto.

Manutenzione

Vista l’assenza di parti in movimento, i pannelli radianti Celsius non necessitano di nessuna manutenzione periodica; è sufficiente effettuare una pulizia con detergenti neutri.

Nonostante non sia necessaria nessuna manutenzione, la vita utile dei pannelli ad infrarossi Celsius è approssimativamente di 50 anni.

Estetica

L’elevato standard estetico-funzionale dei pannelli consente di migliorare il benessere psicofisico di tutta la famiglia e di arredare la casa con un tocco minimalista di grande eleganza.

La superficie liscia ed omogenea dei pannelli Celsius, essendo formalmente neutra, si integra perfettamente ed in modo elegante a qualsiasi tipologia di arredamento consentendo nel contempo un notevole risparmio energetico e dando garanzia di rispetto dell’ecosistema.

In confronto ai sistemi a pavimento comunque risultano essere più invasivi.

Agevolazioni fiscali

Si applica la detrazione fiscale del 65% per building automation in quanto la centralina dei pannelli Celsius è compatibile e può essere pilotata da qualsiasi sistema domotico, di controllo remoto e combinatori telefonici purché dispongano di un pilotaggio ON-OFF.

La centralina ha un canale dedicato, disaccoppiato dalla rete, che permette di comandare il gruppo potenza; in altre parole questo si traduce nella possibilità di comandare e controllare i pannelli per riscaldamento a infrarossi della vostra casa in qualsiasi momento e da qualsiasi distanza vi troviate.

Ogni pannello installato è indipendente, ciò renderà possibile controllare il comfort climatico per ogni singolo locale, favorendo di conseguenza il risparmio energetico.

Pannello ad infrarossi Celsius

Conclusioni: è meglio il riscaldamento a pavimento o i pannelli ad infrarossi Celsius?

Come conclusione possiamo dedurre che per la parte estetica è preferibile un sistema di riscaldamento a pavimento, mentre per fattori quali il benessere abitativo, i consumi, l’installazione e la manutenzione il riscaldamento Celsius è nettamente superiore. C’è una parità invece per quanto riguarda le agevolazioni fiscali, visto che entrambi i sistemi godono della detrazione del 65%.

Ognuno deve valutare, secondo le proprie esigenze, a quali fattori dare priorità per la scelta del sistema di riscaldamento per la propria abitazione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *